Buona settimana! (dal 12 al 18 marzo 2018)

Buona quarta settimana di Quaresima a tutti.

In questa settimana, che ci ha regalato qualche scorcio di primavera, siamo invitati a riflettere sull’Amore di un Dio che ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna.

Non c’è amore più grande che dare la vita per qualcuno.. certo che ci vuole un bene immenso per amare chi non lo merita davvero (cioè l’essere umano)! Ma Dio è fatto così e anche se noi preferiamo le tenebre alla Luce, Lui non si arrende. Come un padre ostinato che ama il figlio che gliene ha combinate di tutti i colori e che crede ancora in lui. Ciò che vorrei comunicare viene espresso benissimo nel filmato che ho già precedentemente inviato, ma che per me resta decisamente significativo. Osservate le persone sul treno, siamo noi, “personaggi” non certo edificanti, eppure…

COSA AVRESTI FATTO TU...

Allego un bel racconto: IL SEGNALE.

La luce rischiara le tenebre: basta una piccola candela e tutta la stanza viene illuminata, la paura passa, torna la pace. C’è un bel racconto: IL FIGLIO INTELLIGENTE.

Come dice il Papa all’Angelus, tutto questo amarci da parte di Dio, deve generare GIOIA. E anche noi dobbiamo diventare portatori di gioia e non preferire sempre le “tenebre alla luce”. Si fa fatica? Certamente, ma ne vale la pena.

Il Vangelo di oggi per i bambini:

Martedì 13 marzo, festeggeremo i primi 5 anni di Papa Francesco. Speriamo (e preghiamo) che Dio lo lasci ancora a lungo con noi. Per sapere tutto di quello che in questi primi 5 anni fa detto e fatto: http://w2.vatican.va/content/vatican/it.html

I Santi di questa settimana:

11 marzo: S. INNOCENZO I PAPA http://www.santiebeati.it/dettaglio/64800http://it.cathopedia.org/wiki/Papa_Innocenzo_I

15 marzo: BEATO ARTEMIDE ZATTI http://www.santiebeati.it/dettaglio/90087 http://it.cathopedia.org/wiki/Beato_Artemide_Zatti

Buona settimana e continuazione del cammino quaresimale, con l’augurio che ognuno di noi riceva la Luce vera e possa essere luce nell’ambiente in cui si è “chiamati” a vivere.

Maria Olga

MI CHIAMATE REDENTORE

Mi chiamate Redentore

e non vi fate redimere.

Mi chiamate Luce

e non mi vedete.

Mi chiamate Via

e non mi seguite.

Mi chiamate Vita

e non mi desiderate.

Mi chiamate Maestro

e non mi credete.

Mi chiamate Sapienza

e non m'interrogate.

Mi chiamate Signore

e non mi servite.

Mi chiamate Onnipotente

e non vi fidate di me.

Se un giorno non vi riconosco

non vi meravigliate.

(Iscrizione nel duomo di Lubecca).

Sei così vicino alla croce che...

(mons. Angelo Comastri e madre Teresa di Calcutta)

Mons. Angelo Comastri, vescovo di Loreto, ha raccontato che anni fa, a causa di un banale disguido medico, si è ritrovato quasi in fin di vita per problemi cardiaci; è andato in crisi, cosa che gli ha fatto capire quanta strada ancora doveva fare cristianamente. In quei momenti ha telefonato a madre Teresa di Calcutta, con la quale era in amicizia, per chiederle un qualche conforto.

"What wonderful thing!", "che cosa stupenda!", è stata la sua risposta. "Madre Teresa, ha capito bene cosa le ho detto? Sto rischiando di morire!". E lei, ancora: "Sei fortunato: sei così vicino alla croce che Gesù può baciarti senza neanche fare fatica".

Allegati:

1. Il figlio più intelligente

2. Angelus 11.03.2018

3. Letture 11.03.2018

4. Il segnale

In evidenza
Posts recenti
Il sito della diocesi
Archivio
Ricerca per Tags

 

Sito realizzato da Lavia Di Sabatino con Wix.com

 

Questo sito è sotto Licenza Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives 4.0